Come fare le bombe da bagno (bath bomb)

Le bombe da bagno sono una mistura di sali compressa che, buttata nella vasca piena di acqua, inizia a ribollire e liberare piacevoli fragranze.

Le bombe da bagno possono essere acquistate online, ve ne sono di tutti i tipi. Ma se vi piace sperimentare la comsetica fai da te potete anche crearle da voi ad un prezzo stracciato.

Ecco cosa vi serve per questa ricetta:

  • mezza tazza di acido citrico (niente paura è una polvere!)
  • una tazza di di bicarbonato
  • tre quarti di tazza di amido di mais (maizena)
  • olio (di oliva, mandorle dolci o altri – serve per impastare)
  • opzionalmente un quarto di tazza di sale di epsom (sale amaro o sale inglese)
  • olio essenziale di vostro gradimento (bastano poche gocce)

Consiglio: comprate i prodotti (acido citrico e sale di epsom) online che costano molto meno che in farmacia… dovete farci il bagno non mangiarli! L’amido di mais ed il bicarbonato li trovate al supermercato.



Mescolate tutti i sali assieme, poi aggiungete un po’ alla volta l’olio in modo da ottenere un impasto friabile ma che, fatto a polpetta, tenga la forma. Non deve essere troppo bagnato, anze deve assomigliare più alla sabbia bagnata.

Aggiungete anche l’olio essenziale e qui viene il difficile: per fare una palla, o usate una forma oppure mettete il tutto in un sacchetto per il congelatore e compattate. A seconda delle dosi potete fare una o più bombe da bagno.

La forma non importa, tanto poi deve esplodere in acqua e inondare il bagno dei profumi che avere scelto.

Una volta compattata la poltiglia, dovete lasciarla riposare per un giorno in modo che diventi più solida e quindi sarà pronta per esssere tuffata nella vostra vasca.

Se la volete conservare, meglio in un luogo asciutto, perché con l’umidità si deteriora.

Ecco un video che vi mostra la produzione di una bath bomb classica.

Colori

Anche se sono belle da vedere a me non piace molto aggiungere coloranti, perché poi mi ci devo immergere. Questioni di gusto, io le preferisco naturali!

 





Altri articoli interessanti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *