Nasino chiuso e il bimbo non dorme? Prova con Narhinel!

Quando avevo i bambini piccoli  il non dormire la notte mi pesava tantissimo. Fortunatamente i miei bimbi erano  bravissimi  in condizioni normali. Purtroppo appena arrivava la stagione  autunnale e i primi raffreddori…addio sonno. L’avere il naso anche leggermente chiuso  fa diventare i bambini estremamente irritabili. Frequentemente inoltre, se non si libera a dovere il nasino,  anche il più piccolo raffreddore può diventare  qualcosa di più serio con la conseguenza  che diventa necessario ricorrere a farmaci per guarire da infezioni più importanti.



La soluzione per dormire, per guarire velocemente dai raffreddori e non incorrere in bronchiti e otiti e conseguentemente agli antibiotici, esiste  e si chiama pulizia del nasino.

Finché i bimbi sono piccoli come ben sapete non sono assolutamente in grado di soffiarsi il naso da soli. Quando iniziano a imparare soffiano con la bocca. Soffiare con il naso sarà una delle grandi conquiste per  affrontare meglio i malanni stagionali.

Nel frattempo bisogna armarsi di pazienza e di aspiratori nasali. Non è un passeggiata. Pochi bimbi amano il momento il cui la mamma o il papà  si atteggiano la Ghostbusters per eliminare il mostro muco.

Mia sorella che ha un bimbo, Nicola,  di pochi mesi si trova benissimo con l’aspiratore nasale Narhinel. Dato che ci vediamo spesso, assisto quotidianamente a quello che ormai è diventato un rituale più o meno piacevole.

Bisogna essere brave nel cercare di rendere il bambino più tranquillo possibile. Inutile pulire il nasino in un momento in cui è agitato o stanco, perché sarebbe poco collaborativo.

Il tutto sarebbe abbastanza veloce: lavaggio con acqua fisiologica, e poi aspirazione . Finché Nicolara più piccolo era decisamente tutto abbastanza veloce. Il bimbo piangeva un po’ ma non opponeva particolare resistenza. Ora che ha quasi 9 mesi le cose sono un po’ più complicate perché  cerca di divincolarsi. Quindi il suggerimento è quello di  si essere dolci ma anche  decise e ferme. Il bimbo è a pancia in su e voi con una mano cercate di tener ferme le manine e con l’altra procedete con il lavaggio e poi con l’aspirazione. Se siete in due, il procedimento è sicuramente più veloce.

L’aspiratore  si compone di un beccuccio morbido intercambiabile contenente una spugnetta in modo che il muco non risalga nell’aspiratore, da una impugnatura ergonomica e da una cannula che serve per aspirare.

Il beccuccio va sostituito dopo l’uso . La confezione originale ne contiene 2, monouso, ma in commercio esistono confezioni da 10  o 20 ricambi.

Felice sonno con il nasino libero!





Altri articoli interessanti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *