Zanzare: trattare i tombini per bloccare le larve (video)

Tutti siamo estremamente infastiditi dalle zanzare salvo quei pochi fortunati che non vengono mai punti. E allora ci muniamo di repellenti naturali o sintetici come la citronella, l’Autan (a base di icaridina)  o l’Off  (a base di dietilmetilbenzamide o dietiltoluamide) spruzzando pelle e vestiti. Certamente funzionano e in certi posti sono assolutamente indispensabili per evitare le punture delle zanzare.

Altre soluzioni prevedono poi l’utilizzo di insetticidi spray da utilizzare dentro casa o i “fornellini” con insetticidi e repellenti più o meno efficaci (e più o meno fastidiosi anche per l’uomo). Oppure si può pensare di dotarsi di una o più piante di Catambra, l’ultimo rimedio in ordine di tempo per tenere lontane le zanzare dalle abitazioni e dai giardini.

zanzara



Siamo sicuri che le zanzare esisteranno sempre, ma oltre ad difendersi da loro e ad ucciderle con gli insetticidi quando già volano, si può intervenire prima che si sviluppino, ovvero quando sono in stadio larvale.

Le zanzare depongono le uova dove c’è (o ci sarà) presenza di acqua. In funzione delle condizioni climatiche, in pochi giorni diventano larve e poi vere e proprie zanzare. Il ciclo può durare dai 4 ai 30 giorni e normalmente una temperatura più alta lo favorisce rendendolo più rapido.

E’ importante ricordare che in pochi giorni una larva diventa una zanzara: nel momento in cui le possiamo osservare in un tombino, in un sottovaso o uno scolo dell’acqua, o le eliminiamo subito o verranno presto a caccia del nostro sangue. Il video che segue mostra chiaramente cosa si può trovare in un tombino fuori casa.

Negli ultimi anni le amministrazioni comunali hanno iniziato a trattare i tombini pubblici con campagne di disinfestazione programmate e ripetute: un acquazzone infatti lava via il prodotto inserito nel tombino e crea un ambiente nuovamente favorevole alla riproduzione. Purtroppo vi sono condizioni che non aiutano e rendere veramente efficaci tali azioni:

  • non esistono solo tombini pubblici, moltissime case ne hanno e non vengono trattati
  • spesso un comune è virtuoso ma gli altri 10 comuni confinanti non lo sono rendendo in parte vano il lavoro
  • nei periodi di scarso personale (vedi agosto) la campagna può venir sospesa: ecco che in pochi giorni le zanzare possono tornare a riprodursi
  • i trattamenti, spesso appaltati, non vengono ripetuti in caso di grandi piogge che vanificano i precedenti

A livello comunale il cittadino può agire segnalando la presenza di larve nei tombini all’ufficio ecologia (o equivalente) e magari prendersi la briga lui stesso di bonificarlo con gli opportuni prodotti. Per i tombini e i ristagni di acqua “privati”, è importante abituarsi a trattarli di persone e diffondere la cultura anche ai vicini.

Ecco un video che mostra la presenza di larve in un comune ristagno d’acqua.

Un primo rimedio applicabile ad esempio ai sottovasi, è quello di inserirvi un po’ di rame metallico. Basta “spellare” dei vecchi fili elettrici e meterne dei pezzetti dove si ferma l’acqua. Le sostanze liberate dal rame a contatto con l’acqua impediscono alle eventuali larve di svilupparsi. I sottovasi, comunque, sono l’ultimo dei problemi visto che normalmente rimangono bagnati per poche ore in estate al limite un paio di giorni. Da verificare sempre, invece, eventuali contenitori posti in giardini che sono innaffiati con impianti di irrigazione automatici, i quali potrebbero mantenere un livello di acqua sufficiente per lo sviluppo delle larve.

Nei tombini i pezzi di rame è facile che vengano sepolti dalla melma che vi si deposita, rendendoli inutili. Si possono allora utilizzare apposite pastiglie che sciolgono nell’acqua del tombino e agiscono impedendo alle larve di completare il ciclo di sviluppo. Fino a qualche anno fa era difficili da trovare. Normalmente si cercano nei consorzi agricoli o nei negozi di giardinaggio o nei vivai. Ultimamente li ho visti apparire anche nei normalissimi supermercati.

Quello utilizzato da me per trattare i tombini del video è il TB-2 della Bayer e lo trovo a 10 euro il barattolo. Al supermercato si trovano ad un prezzo inferiore.

Informazioni più dettagliate sullo sviluppo della zanzara le trovate sulla Wikipedia.



[newsletter_form]

Altri articoli interessanti

2 Risposte

  1. Arturo ha detto:

    È da nn credere!! Tantissime volte ho visto quelle larvette nella fontana sotto casa e nn sapevo cosa fossero! E ora capisco perché in alcuni giorni d’estate nn possiamo neanche stare un Po in cortile perchè è infestato da zanzare!!! 1000 grazie per questa recensione.. È stata utilissima!! Adesso sappiamo cosa sono e come distruggere queste fastidiosissime zanzare!!!!! Saluti. Arturo p.

  1. 17 Agosto 2009

    Cosa si nasconde nel tombino sotto casa? http://bit.ly/h6hoU
    #zanzare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *